La Memoria rende Liberi

Si è svolta oggi la Camminata verso il Campo di Fossolidella scuola secondaria di primo grado intitolata a Odoardo Focherini

Una mattinata densa di spunti e contenuti dove – grazie al lavoro dei docenti – i ragazzi hanno potuto ascoltare, partecipare e condividere il lavoroso svolto nei mesi precedenti.

Tra i presenti, Paola Focherini porta il suo emozionato saluto alla scuola intitolata a suo padre.

Alcuni dei disegni realizzati dagli studenti

Abbraccio che cambia la vita

Incontro nazionale con Papa Francesco il 25 aprile. Il racconto dell’esperienza della delegazione carpigiana

Oltre 80mila persone, provenienti da tutte le diocesi d’Italia, hanno partecipato all’incontro nazionale dell’Azione Cattolica con Papa Francesco svoltosi il 25 aprile in piazza San Pietro. Erano presenti anche 113 rappresentanti dell’Azione Cattolica di Carpi, guidati dalla presidente Benedetta Lodi. Questo il racconto della loro esperienza.

Il gruppo diocesano si è distinto per la presenza dello stendardo del beato Odoardo Focherini, ricordato tra i martiri, beati e santi dell’Azione Cattolica, legati all’antifascismo e alla Resistenza, in coincidenza del 25 aprile.

Quale è stato il contributo cattolico alla Resistenza ?

Un libro raccoglie storie di fede in un periodo di guerra e vendette

Di Simone Baroncia

[…]

Come possono essere stati ‘resistenti disarmati’?

Odoardo Focherini e padre Placido Cortese salvarono decine di persone dalla persecuzione semplicemente mettendo a frutto il proprio ingegno e i pochi mezzi di cui disponevano. Disse Focherini a suo cognato: ‘Se tu avessi visto come ho visto io in questo carcere, cosa fanno patire agli ebrei, non rimpiangeresti se non di aver fatto abbastanza per loro, se non di non averne salvati in numero maggiore’. Ricorda la frase ‘Chi salva una vita salva il mondo intero’, riportata da Steven Spielberg nel film ‘Schindler’s list’. Vittorio Gasparini, dirigente d’azienda fucilato in piazzale Loreto (10 agosto ’44) a Milano, forniva informazioni alle bande partigiane tramite una radio clandestina. Rischiava la propria vita senza poterla difendere, rispondeva a Dio e alla propria coscienza”. […]