Il coraggio di Odoardo

Il coraggio di Odoardo Focherini

Il suo nome è scritto su una “pietra d’inciampo” a Mirandola. Ecco la sua storia, utile per la “Giornata della memoria” Scritto da Beatrice Tuzza

L’autrice, tredicenne, è tra i ragazzi che hanno avuto modo di conoscere la figura di Focherini attraverso il racconto del nipote. Con l’aiuto della mamma, giornalista di Sempre, ha raccolto questa storia, che tanto ha da dire ai ragazzi di oggi.

Tutte le estati, quando vado a prendere il gelato in Piazza Costituente, passo davanti a un grande edificio giallo. Non mi sono mai chiesta che posto fosse, anche perché una tredicenne non ha uno sguardo da scrittore e quindi non riesce a fare molto caso ai dettagli. Ma oggi è stato diverso. Mentre camminavo per fare una passeggiata per schiarirmi le idee, guardandomi i piedi ho notato sul marciapiede una mattonella dorata con sopra inciso un nome a me ben noto, Odoardo Focherini, oggi beato.
Mia madre mi ha spiegato che è una pietra d’inciampo, la prima nella provincia di Modena, posata a Mirandola il 16 gennaio scorso. E così, dopo 75 anni dal suo martirio, anche noi ragazzi potremo ricordare e capire: Odoardo era uno di noi!

Per leggere l’articolo:

https://www.semprenews.it/news/Il-coraggio-di-Odorardo-Focherini.html