“Entra Attilio”

Santa Pasqua 2014

Da Anna Foa, Portico d’Ottava 13, 2013

“L’approdo alla parrocchia di San Benedetto non era stato in realtà casuale: a portarcele era stato Attilio di Veroli, che dopo la perdita della licenza di ambulante girava a comprare e vendere per le parrocchie e le chiese e conosceva il parroco con Gregorini, tanto è vero che questi gli aprì la porta chiamandolo per nome, come racconta la figlia Rosina: “Entra Attilio”, gli disse.
[…] Era giovane, all’epoca, don Gregorini era parroco di San Benedetto solo da un anno e vi sarebbe rimasto fino al 1984.
Costanza Fatucci racconta che il parroco amava intrattenersi a conversare con suo padre di ebraismo e cristianesimo, Rosina invece sottolinea la sua umanità nell’accompagnarla a riconoscere alle Ardeatine i corpi del padre e del fratello”.