Convegno a distanza

Programma e relatori confermati, sabato 31 ottobre a partire dalle 15 fino alle 17 sarà possibile seguire i lavori del convegno in diretta streaming sul sito www.diocesicarpi.it e sulla pagina FB della Diocesi di Carpi. L’obiettivo del convegno è approfondire il tema indicato da Papa Francesco per la 54ª Giornata Mondiale per le Comunicazioni Sociali, “Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria. (Es. 10,2) La vita si fa storia”. Comunicare, dunque, la memoria, il valore delle storie e delle vite da raccontare, specie quelle dei martiri moderni. Chi opera nella comunicazione è chiamato a mettere in connessione, attraverso il racconto, la memoria con la vita.

Con il coordinamento scientifico di Brunetto Salvarani, teologo e saggista, questi spunti verranno sviluppati dalle tre relazioni affidate a Roberto Righetti, presidente dell’associazione stampa modenese, Alessandro Rondoni, direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Ceer e dallo stesso Salvarani, a cui si aggiungeranno gli approfondimenti affidati allo storico Giorgio Vecchio, autore della biografia su Focherini, il secondo biblico teologico sull’attualità del martirio trattato dal monaco di Bose Guido Dotti e il terzo, di taglio pedagogico, sarà trattato da Milena Santerini, docente di pedagogia all’Università Cattolica e coordinatrice nazionale per la lotta all’antisemitismo.

Info: beatoof75@gmail.com – tel. 335 5274511

Convegno

La vita si fa storia. “Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2)

In occasione del 75° anniversario della morte del beato Odoardo Focherini,  giornalista e amministratore de “L’Avvenire d’Italia”

Sabato 31 ottobre

Ore 15.00: Saluti istituzionali

Ore 15.15 – 16.15

Prima sessione

  • Martiri “in amorem humanitatis”

Guido Dotti (teologo, monaco di Bose)

  • Storia e memoria oggi: quale comunicazione?

Milena Santerini (pedagogista – Università Cattolica di Milano – Coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo)

  • Odoardo Focherini e la stampa cattolica tra le due guerre mondiali

Giorgio Vecchio (storico, Università di Parma)

Ore 16.15 – 18.15

Seconda sessione

  • Il dovere della memoria: il giornalismo nel tempo dell’hate speech (incitamento all’odio)

Roberto Righetti (giornalista, presidente Associazione stampa modenese)

  • Giornalista libero, fedele alla coscienza: Odoardo Focherini ci ispira ancora

Alessandro Rondoni (giornalista, direttore Ufficio Comunicazioni sociali della Ceer)

  • La narrazione della memoria dalla Bibbia ai social

Brunetto Salvarani (giornalista, docente FTER)

Dibattito e conclusioni

Coordina i lavori: Benedetta Bellocchio (giornalista)

Diretta streaming sul sito diocesicarpi.it e sulla pagina facebook Diocesi