www.OdoardoFocherini.it, Giusto e Beato
14Nov/120

Gariwo.net

da http://www.gariwo.net/pagina.php?id=6126

La forza dei Giusti, la loro grandezza, sta anche nel fatto che non sanno di esserlo, agiscono nel buio e nel silenzio, in forte contrasto con una realtà totalitaria, urlata e violenta. 
Il loro insegnamento, però, emerge, prepotentemente, diventando esempio e monito per l’umanità.
Odoardo Focherini - già Giusto tra le Nazioni (1969) e Medaglia d’oro al merito civile (2007) – ora è Beato. Lo scorso 10 maggio, proprio mentre il Parlamento europeo approvava la dichiarazione per l’istituzione della Giornata europea dei Giusti, il Papa firmava il decreto che suggellava la beatificazione di Focherini, primo beato riconosciuto tale per aver salvato degli ebrei dalla persecuzione nazi-fascista.
Nella sua quotidianità, Odoardo Focherini ha saputo leggere i tempi in cui viveva senza farsi confondere dalla propaganda dilagante, ma rimanendo legato ai propri valori, alla fede che ha sempre cercato di vivere coerentemente in famiglia, nel lavoro e nell’impegno nella società. 
Proprio per questo non ha potuto né voluto rimanere indifferente davanti alla sofferenze di amici, conoscenti, ma anche di sconosciuti che gli hanno chiesto aiuto.
Non li ha guardati con gli stereotipi del tempo, non si è rapportato a loro secondo il concetto di superiorità razziale: ha visto in loro uomini, donne e bambini in seria difficoltà e si è attivato per salvare loro la vita.
Per questa sua azione coraggiosa, condivisa con don Dante Sala (anche lui riconosciuto Giusto nel 1969) ed altre persone, Odoardo viene arrestato, imprigionato e deportato. Nemmeno in questi mesi perde la dignità e la forza: nelle lettere conservate dalla famiglia, traspare tutta la sua fede, la convinzione di avere agito bene, secondo coscienza.
Ormai alla fine del suo percorso terreno, Odoardo nell’infermeria del campo di annientamento di Hersbruck ha ribadito di voler dedicare la sua sofferenza e la morte per la sua famiglia, la Chiesa “e per il ritorno della pace nel mondo”.
Ora anche la Chiesa che Odoardo ha sempre sentito sua, portatrice del messaggio evangelico di amore e attenzione al più povero e bisognoso, lo indica come esempio fulgido da seguire.
La celebrazione ufficiale si svolgerà a Carpi (MO) il prossimo 15 giugno 2013; nel frattempo si è costituito un comitato per la realizzazione di eventi e progetti che portino ad una riscoperta di questa figura e della sua straordinaria attualità.
Maria Peri

Inserito in: News Lascia un commento
Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.