Io qui sottoscritto

Dal 24 ottobre al 9 novembre 2019 la mostra “Io qui sottoscritto. Testamenti di grandi italiani”, curata dal Consiglio Nazionale del Notariato e dalla Fondazione Italiana del Notariato, fa tappa a Firenze presso lo Spazio Mostre Fondazione CR Firenze (Via Bufalini 6, Firenze – ingresso libero), in concomitanza con il 54° Congresso Nazionale del Notariato: “La legalità al centro: crescere nel rispetto della legge” (7 al 9 novembre)

 

Testamenti di grandi italiani - mostra alla Fondazione Cr Firenze

 

Elenco completo dei personaggi in mostra: Giorgio Vasari, Alessandro Manzoni, Gioachino Belli, Alfonso La Marmora, Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso conte di Cavour, Giuseppe Verdi, Giuseppe Zanardelli, Giovanni Verga, Antonio Fogazzaro, Eduardo Scarpetta, Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio, Giovanni Agnelli Senior, Luigi Pirandello, Grazia Deledda, Enrico Caruso, Lina Cavalieri, Guglielmo Marconi, Enrico De Nicola, Alcide De Gasperi, Papa Giovanni XXIII, Papa Paolo VI, Enzo Ferrari, Giorgio La Pira, Odoardo Focherini, Giovanni Spadolini, Giorgio Ambrosoli.

 

Testo integrale: http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=299257

Giornalisti a convegno

Giornalisti a convegno a Predappio per interrogarsi su razzismo e antisemitismo

A cura di Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Unione cattolica stampa italiana sezione Emilia-Romagna

A Predappio, terra natale di Benito Mussolini e luogo che richiama alla memoria una parte della storia novecentesca italiana, quella del totalitarismo fascista sfociato prima nelle leggi razziali del ’38 e poi nella tragedia della guerra, si trovano a convegno i giornalisti per discutere del ruolo dell’informazione nel propagare razzismo e antisemitismo. Giovedì 10 ottobre, con inizio alle 14.30, nel teatro comunale predappiese (via Marconi 15), l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Unione cattolica stampa italiana sezione dell’Emilia-Romagna, organizza il convegno “Gli italiani e l’antisemitismo: il ruolo dell’informazione nella propaganda razzista e antisemita”. L’evento, pur inserito nel programma di formazione obbligatoria per i giornalisti è aperto a tutti e si propone una riflessione sul tema della relazione tra informazione e diffusione dell’antisemitismo in Italia. Si intende ripercorrere, dal fascismo anche prima delle leggi razziali fino all’informazione odierna online, quanto i mass media hanno assunto un ruolo rilevante nel diffondere e propagandare tematiche razziste e, specificamente, antisemite. Nell’occasione, ricorrendo il 75° anniversario della morte nel campo di concentramento di Hersbruck, verrà ricordata la figura del beato Odoardo Focherini, carpigiano, giornalista collaboratore de L’Osservatore Romano e de L’Avvenire d’Italia, deportato dai nazifascisti per la sua azione di salvataggio di ebrei perseguitati. Dopo i saluti del sindaco di Predappio, Roberto Canali, del presidente regionale dell’Ordine dei giornalisti, Giovanni Rossi, e del presidente regionale Ucsi, Matteo Billi, seguiranno gli interventi di Luciano Meir Caro, rabbino capo di Ferrara e delle Romagne, dei giornalisti e saggisti Domenico Segna e Paolo Poponessi, di Luca Alessandrini, direttore dell’Istituto Parri di Bologna e della ricercatrice storica e nipote di Focherini, Maria Peri. Con preghiera di darne notizia.

Da: http://www.forli24ore.it/news/forli/0053973-giornalisti-convegno-predappio-interrogarsi-razzismo-e-antisemitismo

Convegno stampa cattolica

Giovedì 10 ottobre a Predappio, dalle 14.30, si parlerà di “Gli italiani e l’antisemismo”.

Tra gli interventi, Maria Peri ricorderà come il  beato Focherini abbia vissuto il suo tempo con grande intelligenza, lungimiranza e attenzione ai piccoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettera Pastorale

Nella Lettera Pastorale “E camminava con loro” – presentata in Duomo a Carpi questa mattina – il vescovo Castellucci ha citato più volte la figura del beato Odoardo.

Anche per questo motivo, invitiamo a leggere e condividere questo documento che ricorda i testimoni della nostra diocesi e ci invita ad imitarli nel cammino comunitario della santità quotidiana.

2019 34_Parte11

2019 34_Parte12

2019 34_Parte13

2019 34_Parte14